skip to Main Content
Archeotrekking. L’Abbazia E La Rocca Del Bosco Del Genuardo

Archeotrekking. L’Abbazia e la Rocca del Bosco del Genuardo

  • Data: Domenica 1 Novembre 2020
  • Raduno: alle 10:00 all’ingresso di Sambuca di Sicilia dalla SS118, presso la Piazza Ernesto Che Guevara. Fine tour ore 16:30.
  • Dove: Riserva Naturale Monte Genuardo E Santa Maria Del Bosco.
  • Ticket: intero €15 / ridotto €10 per under 12 anni (+ 1 € acquisto online).

Domenica 1 novembre ArcheOfficina propone nuovamente la suggestiva escursione fra i gioielli dei Monti Sicani!

Il tour condurrà i visitatori nell’eccezionale contesto dell’ Abbazia Santa Maria del Bosco e del castello di Calatamauro, nella riserva naturale Bosco del Genuardo.

Secondo la tradizione degli Archeotrekking di ArcheOfficina, l’intento è quello di unire al racconto storico e archeologico l’esperienza di un trekking immerso nella natura.

La visita vede la collaborazione degli archeologi di ArcheOfficina con la Guida Ambientale Escursionistica esperta del territorio Giuseppe Di Giorgio, i proprietari dell’Abbazia e l’associazione Vivere Slow, in un tour dove arte archeologia e natura si fondono in un’unica storia tutta da raccontare!

Questo evento di interesse culturale è patrocinato dal comune di Contessa Entellina.
Link: https://www.facebook.com/comunecontessa

L’appuntamento è alle 10:00 all’ingresso di Sambuca e insieme raggiungeremo la Rocca di Calatamauro, dove si visiterà la fortificazione medievale e il mulino e si potrà godere di una splendida vista su buona parte dei Monti Sicani.
Dopo il pranzo a sacco alla rocca, l’escursione prosegue con la visita dell’ Abbazia Santa Maria del Bosco dove il proprietario condurrà i visitatori in una suggestiva visita guidata.

I siti:

L’Abbazia Santa Maria del Bosco è situata nel cuore della Valle del Belice, ai piedi di Monte Genuardo e all’interno dell’omonima riserva naturale. Si trova a pochi km da Sambuca di Sicilia (Borgo dei Borghi 2017) e dal centro storico di Contessa Entellina dov’è il museo archeologico. Il complesso è circondato da un bosco di lecci, querce e castagni, esteso per circa 200 ettari.
Il primo nucleo dell’Abbazia fu costruito intorno al 1300; successivamente, passò di proprietà all’ordine dei benedettini e fu completata intorno alla seconda metà del XVI secolo.
Appena varcato il portale di ingresso sembra di tornare indietro nel tempo: passeggiando sotto i bellissimi colonnati dei due chiostri, uno rinascimentale e l’altro anticipatore della corrente barocca.

Fra immensi saloni, scalinate monumentali e portali decorati con putti di stucco, i visitatori rimarranno affascinati dal suggestivo racconto e dalle curiosità con cui i proprietari dell’abbazia condurranno la visita guidata.
Sulla sommità di uno sperone roccioso a Ovest del Monte Genuardo, immerso nell’omonima riserva e circondato da un boschetto di conifere, si staglia a 764 m s.l.m. il castello medievale di Calatamauro. Dalla cima si domina una vista mozzafiato che comprende gran parte della Sicilia Occidentale fino a Erice, i monti Sicani e quelli di Palermo e a Sud il Canale di Sicilia.
La più antica menzione del sito è la notizia del geografo arabo Idrisi, che insieme ai dati della Jarida di Monreale dimostra l’esistenza sull’altura di Calatamauro di un fortilizio normanno almeno dalla metà del XII secolo.

Nella prima metà del XIII secolo Calatamauro acquista una grande rilevanza strategica in virtù della sua posizione di fronte al sito di Entella, sede della ribellione islamica in Sicilia. Pertanto, il forte rientrò in quella serie di castra exempta noti dal registro imperiale che Federico II gestiva in prima persona per la loro rilevanza strategica.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA UTILIZZA IL MODULO SOTTOSTANTE OPPURE CHIAMA AI SEGUENTI CONTATTI

32798495193208361431    

N.B. La partecipazione all’evento è valida solo tramite prenotazione ai contatti indicati. In caso di imprevisti o condizioni meteo avverse l’organizzazione si riserva di annullare/posticipare l’evento. Tutte le eventuali variazioni o modifiche saranno tempestivamente comunicate a tutti i partecipanti.

Back To Top